ESERCITAZIONE MONTE BIANCO 2004

ESERCITAZIONE MONTE BIANCO 2004

La galleria di immagini del presente articolo illustra una attività di esercitazione al soccorso in montagna condotta dal Servizio Aereo della Guardia di Finanza in collaborazione con il CNSAS Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico. Nello specifico si tratta di un evento, risalenta all’anno 2004, ambientato sulle pendici del Monte Bianco, con base di appoggio in quota presso il rifugio Monzino.

Alla intensa giornata di addestramento parteciparono due elicotteri della GdF, un AB-412 ed un NH-500, ed un AgustaWestland A-109E Power della società Helops, all’epoca esercente il servizio di elisoccorso per la Regione Autonoma Valle d’Aosta.

Gli elicotteri della GdF, appartenenti alla Sezione Aerea di Venegono (Varese), lavorarono in simbiosi con i colleghi della locale Stazione SAGF di Entreves (Soccorso Alpino Guardia di Finanza), a dimostrazione delle capacità di effettuare in totale autonomia complesse missioni di ricerca e soccorso, SAR Search and Rescue, in territorio ostile, ad alta quota, ed anche in collaborazione con altre istituzioni.
Alla esercitazione prese parte anche la Gendarmerie francese, dalla base d’oltralpe di Chamonix, i cui membri del soccorso parteciparono alle operazioni di volo e ricerca, come raffigurato nella immagine dell’A-109 in volo con soccorritore in divisa blue appeso al verricello.

Benchè le immagini risalgano all’anno 2004 le dinamiche, modalità di intervento, organizzazione sono valide tuttora.

Per saperne di più sul mondo dell’elisoccorso e soccorso aereo visita su questo sito web la pagina ‘Pubblicazioni/libri’ dove troverai le informazioni relative ai libri a tema elicotteri e soccorso pubblicati da OperazioniVolo / Dino Marcellino
Puoi anche richiedere ulteriori informazioni, e modalità di acquisto, scrivendo all’autore: dino@operazionivolo.com

Libri Elicotteri-Elisoccorso-Soccorso Aereo

SATER 02-2019 Aeronautica Militare

L’ Aeronautica Militare ha organizzato e coordinato l’esercitazione SATER 02-2019, svoltasi lo scorso 18 giugno, tra la Riviera di Levante dell’Appennino Ligure ed il basso Appennino Emiliano.

Si è trattato di un’attività addestrativa ricorrente, di anno in anno e più volte l’anno in location differenti, che prevede simulazioni di Ricerca e Soccorso (S.A.R. Search and Rescue) in collaborazione con CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico) per affinare l’integrazione e l’operatività tra le diverse componenti chiamate a concorrere.

La SATER 02-19 si differenzia dalle precedenti edizioni in quanto lo scenario previsto ha visto la ricerca di escursionisti infortunati (e non, come di consueto, la ricerca di piloti dispersi in seguito ad incidente aereo), simulando inoltre il recupero di persone bloccate in zona ipogea (grotte) con intervento della squadra speleologica del CNSAS.

 

Per saperne di più in merito a questi eventi addestrativi consiglio di consultare i libri “SOS Italian Helicopter Rescue Operations”  e  “Salvando Vite” , editi da Dino Marcellino: www.operazionivolo.com/libri

Il Comando Operazioni Aeree (COA) dell’Aeronautica Militare di Poggio Renatico (FE) ha coordinato le operazioni di ricerca, svolte sia di giorno e di notte con gli speciali visori notturni NVG (Night Vision Goggles), grazie all’installazione di una postazione di comando e controllo, denominata PBA (Posto Base Avanzato) presso il Comando Base Aeromobili del Corpo delle Capitanerie di Porto di Sarzana (SP), che insieme alle altre articolazioni della Guardia Costiera garantisce un servizio di allarme continuativo per la ricerca e il soccorso in mare e in ambiente costiero.

 

Oltre all’Aeronautica Militare, che ha partecipato con un elicottero HH-139 del 15° Stormo 85° Centro CSAR di base a Pratica di Mare (RM), hanno preso parte anche assetti di volo della Guardia Costiera con 1 AW139 della Base Aerea di Sarzana (SP) e la Guardia di Finanza con 1 AB412 della Sezione Aerea di Pisa ed 1 NH500 della Sezione Aerea di Genova, quest’ultima supportata a terra da una squadra del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza.

Il coordinamento dell’intera operazione di ricerca terrestre è invece competenza del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (C.N.S.A.S.) della regione Liguria, che ha distaccato personale, materiale e mezzi per le ricerche a terra, 10 Unità Radiomobili per pianificazione e coordinamento, 10 Squadre composte da Tecnici, Personale Sanitario e Cinofili.

Tale esercitazione  è resa possibile grazie ai seguenti accordi:

  • Accordo Tecnico per la Ricerca e Soccorso tra lo Stato Maggiore Difesa ed Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico datato 15 marzo 2018;
  • Convenzione tra il Ministero dell’Interno e C.N.S.A.S. del 2010;
  • Dichiarazione di Principio tra il C.N.S.A.S ed il Soccorso Alpino della Guardia di Finanza del 12 giugno 1996;
  • Protocollo d’Intesa tra il Comando Base Aeromobili del Corpo delle Capitanerie di Porto di Sarzana ed il Servizio Regionale C.N.S.A.S. della Liguria del 21 aprile 2015;
  • Convenzione tra Azienda Sanitaria della Regione Liguria e Servizio Regionale C.N.S.A.S. Liguria del 16 giugno 2017;
  • Convenzione C.R.I. e C.N.S.A.S. del 2017;

Nel dettaglio l’esercitazione ha previsto tre eventi, due diurni ed uno notturno, con la conseguente attivazione delle necessarie operazioni di ricerca e salvataggio del personale coinvolte.  Sono stati simulati :

– Gruppo di escursionisti che percorre l’Alta Via dei Monti Liguri, peggioramento condimeteo con dispersi.

– Infortunio all’interno della Miniera di Gambatesa (Val Graveglia).

– Infortunio ad escursionista sul Monte di Portofino, ore serali .

Le operazioni terrestri in ambiente montano, terrestre ed ipogeo sono state coordinate a cura del Direttore Operazioni di Superficie del Soccorso Alpino e Speleologico del C.N.S.A.S. Liguria.

I limiti operativi per le Unità terrestri sono stati fissati nella eventuale impossibilità a procedere sul terreno in sicurezza o in assenza prolungata di contatto radio/telefonico con la Direzione Operazioni dell’esercitazione .

Italian Air Force Search and Rescue

Italian Air Force Search and Rescue

Vuoi saperne di più sul Search and Rescue, Combat SAR, Personnel Recovery, medevac ? Salvando Vite – Saving Lives è il libro dedicato alle attività di soccorso dell’Aeronautica Militare; oltre 320 foto colori illustrano la vita a bordo degli elicotteri ed aerei impegnati quotidianamente nel salvare vite.  Il testo descrive storia, tecnica, equipaggiamenti e missioni.  Per maggiori info visita www.operazionivolo.com/libri/ oppure scrivi all’autore  info@operazionivolo.com

Do you wish know more about the Search and escue, Combat SAR, Personnel Recovery, Medevac ?  Saving Lives is the book dedicated to the rescue activities of Italian Air Force; 320+ colour images depict the daily life onboard the helicopters and planes, daily engaged in rescue missions. The text spoke about history, organization, equipments, operations.  For more info visit www.operazionivolo.com/libri/  or write to the author  info@operazionivolo.com

Aeronautica Militare – Soccorso Aereo: combat sar, sar, medevac, personnel recovery, trasporti sanitari, elisoccorso, rifornimento in volo